LOADING

Grazie alla nostra proposta, Cologno al Serio aderisce al progetto “donare gli organi: una scelta in comune”

donazi1

Grazie alla proposta che avevamo presentato a inizio anno, con la quale si chiedeva di aderire a un protocollo Anci per consentire ai colognesi di esprimere la volontà di donare organi e tessuti all’atto del rilascio o del rinnovo della Carta di Identità, il Consiglio comunale nell’ultima seduta del 14 maggio si è espresso a favore di questa possibilità, aderendo a un programma di Regione Lombardia e Anci stesso.

L’atto di indirizzo sul quale il Consiglio si è espresso all’unanimità consentirà quindi di informare i colognesi della possibilità di esprimere la propria volontà nel momento del rilascio o rinnovo del documento, con il contestuale inserimento della scelta all’interno del Sistema Informativo Trapianti. La nostra proposta non si ferma qui: chiedevamo infatti di far conoscere questa opportunità con un’adeguata campagna informativa e con percorsi mirati, in accordo con le associazioni che si occupano del tema, come l’Aido, e con le agenzie educative del territorio. Lavoreremo quindi in questa direzione, per far conoscere al maggior numero di colognesi questa possibilità.

CONSIGLIO COMUNALE GIOVEDì 14 maggio 2015

In prima convocazione giovedì 14.05.15 alle ore 20.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Cologno al Serio.
In caso di seduta deserta per mancanza di numero legale, in seconda convocazione il giorno venerdì 15.05.15 alle ore 20.30.

Vi aspettiamo numerosi!

Ordine del giorno:

1. lettura e approvazione dei verbali delle deliberazioni adottate nella seduta del 23.04.2015;
2. adesione al progetto “Donare gli organi: una scelta in comune”;
3. esame ed approvazione del rendiconto dell’esercizio finanziario 2014.

Convocazione_consiglio_comunale_14-5

La pagliuzza e la trave

BACHECA-01

Indebitano Cologno per 9 milioni di euro per un servizio non completato e chiuso, non hanno mai riferito ai cittadini quanto ci costeranno le piscine (18 milioni di euro in totale), ma si affrettano a denunciare i tagli del Governo (210.000 €) utilizzando le bacheche istituzionali del Comune: amministratori leghisti senza vergogna!

 

Sulle bacheche luminose comunali di Cologno al Serio è apparsa ieri questa scritta, inserita dagli amministratori leghisti: “Il Governo taglia a Cologno al Serio altri 210.000 euro. Sempre i soliti devono pagare!!! Difendi il tuo comune!”

Informazione di servizio? Lo sarebbe, se l’Amministrazione in passato avesse allo stesso modo pubblicizzato fra i colognesi i costi delle opere realizzate, in particolare quelli del centro natatorio e il debito che il Comune dovrà accollarsi per i prossimi trent’anni. Peccato che niente del genere sia mai stato fatto e che gli amministratori leghisti abbiano sempre cercato di nascondere ai cittadini i problemi che il centro avrebbe e purtroppo ha generato, per la scelta di realizzare un’opera estremamente costosa, priva di bacino di utenza, con un rischio di impresa totalmente a capo del Comune.

Ora, rispolverando vecchi slogan, si affrettano ad accusare il “Governo ladro” di turno: peccato che la sproporzione fra i tagli statali (che potrebbero essere tranquillamente appianati, se – aderendo alla nostra proposta di un anno fa – gli amministratori leghisti restituissero ai colognesi i propri stipendi dalla chiusura delle piscine a oggi, ma hanno rifiutato di farlo!) e i debiti creati da questa amministrazione sia enorme. Peccato che a Cologno chi dovrebbe pagare per i propri errori sia ancora saldamente in carica e retribuito per continuare a sbagliare, mentre i soliti a pagare saranno i cittadini colognesi.

È vergognoso che questi amministratori chiedano ai propri concittadini di difendere il Comune, quando loro sono i primi a non averlo tutelato, ad averlo esposto a un enorme rischio, ad avere creato un debito trentennale di 9 milioni di euro per un’opera incompiuta e chiusa da 18 mesi. Il pudore avrebbe suggerito agli amministratori leghisti di mantenere un profilo basso sui tagli statali, consapevoli del danno di gran lunga maggiore da loro stessi generato. Eppure, senza alcuna vergogna utilizzano una bacheca comunale per lanciare a tutti gli effetti un messaggio fazioso: più dei tagli statali, sul bilancio colognese peseranno le scelte politiche di un’amministrazione fallimentare, fra cui i 9 milioni di debito per le piscine. Difendiamo il nostro comune da simili amministratori!

CONSIGLIO COMUNALE VENERDì 13 MARZO 2015

Venerdì 13 marzo 2015 ore 20.30 è convocato il CONSIGLIO COMUNALE presso la sala consiliare del Comune di Cologno al Serio di seguito trovate l’ordine del giorno:

1) lettura e approvazione dei verbali delle deliberazioni adottate nella seduta del 16.01.2015;
2) centro natatorio polifunzionale di Cologno al Serio – atto di indirizzo finalizzato alla ricerca di operatori/investitori interessati al completamento e alla gestione dell’impianto natatorio e alla presentazione di progetti complementari al centro;
3) rettifiche e correzioni al piano di governo del territorio vigente ai sensi dell’art. 13 comma 14 bis della L.R. 12/2005 e s.m.i.;
4) modifica della convenzione per la gestione del servizio di tesoreria comunale per il periodo 01.08.2015-31.07.2019;
5) interrogazione del consigliere comunale Mirko Cuter ai sensi dell’art. 24 commi 2, 3 e 4 del R.C.C. avente come oggetto: interrogazione sui costi minimi per riapertura piscine e palestra;
6) interrogazione dei consiglieri comunali Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda ai sensi dell’art. 24 commi 2, 3 e 4 del R.C.C. avente come oggetto: “Validità del documento di piano di cui al vigente PGT”;
7) interrogazione dei consiglieri comunali Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda ai sensi dell’art. 24 commi 2, 3 e 4 del R.C.C. avente come oggetto: “Percorso cittadini si diventa”;
8) interrogazione dei consiglieri comunali Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda ai sensi dell’art. 24 commi 2, 3 e 4 del R.C.C. avente come oggetto: “Rinnovo CDA della RSA “Vaglietti”;
9) interrogazione del consigliere comunale Mirko Cuter ai sensi dell’art. 24 commi 2, 3 e 4 del R.C.C. avente come oggetto: “Interrogazione su gestione – patrimonio – statuto della RSA Vaglietti-Corsini”;
10) mozione presentata dai consiglieri comunali Roberto Zampoleri, Chiara Drago e Imerio Dadda avente come oggetto: centro natatorio;
11) proposta di deliberazione – adesione al progetto “carta d’identità – donazione organi” – atto di indirizzo.

La seduta è aperta a tutta la cittadinanza, non mancate!