LOADING

Consiglio comunale dell’8 gennaio 2016: Atto di indirizzo per la prosecuzione del percorso di marketing per il centro natatorio.

Che cosa manca per affrontare seriamente il problema centro natatorio: atti di indirizzo senza avere chiara la meta

Quante volte, in oltre due anni, ci siamo trovati a leggere articoli di giornale che riportavano proclami sull’imminente riapertura del centro natatorio? L’ultimo è di martedì 5 gennaio: il Sindaco parla di una “possibile riapertura del parco esterno”, spiega che saranno necessari solo 320.000 € per sistemare la struttura e riacquistare le attrezzature necessarie e illustra la strada intrapresa dall’Amministrazione.

Venerdì sera abbiamo infatti discusso in Consiglio Comunale l’ennesimo atto di indirizzo per la riapertura del centro. Eppure è difficile approvare un “atto di indirizzo”, quando non sai qual è il tuo obiettivo. L’ultima (di una lunga serie: ricordiamo la prolungata e fallimentare strada del subentro) strategia dell’Amministrazione, elaborata quasi un anno fa (marzo 2015), è il famoso piano di marketing per trovare operatori interessati al centro: un’operazione partita male per una serie di mancanze, subito da noi sottolineate.

Quella più grave è legata all’obiettivo stesso: che cosa vuole fare l’Amministrazione del centro natatorio? Come intende rimetterlo sul mercato? Quali servizi dovrà garantire ai colognesi, a quali costi per il privato e soprattutto per la collettività (costi che, ricordiamolo, si aggiungono ai 9 milioni di debito che già gravano sulle spalle dei colognesi)? Si è sondato l’interesse del mercato senza prima avere chiare queste condizioni, fondamentali per un investitore e per un Comune!

È chiaro che, senza aver deciso tutto questo, la posizione del Comune rispetto ai possibili operatori privati diventa ancora più debole di quanto già non sia, vista la condizione dell’opera e il lungo periodo di inattività. Si è dato invece corso a un piano di marketing alla cieca, senza fornire indicazioni fondamentali agli investitori. Quando l’Amministrazione si è resa conto di questo, ha deciso di chiudere il progetto di marketing un mese prima della naturale scadenza di tutte le operazioni (fine gennaio 2016), per accelerare con le società che si sono dette ipoteticamente interessate. Sì, ma interessate a che cosa? A quali condizioni, se queste non sono chiare nemmeno al Comune?

Molti sono i dubbi in merito all’atto di indirizzo, illustrati durante la seduta consiliare. Ci chiediamo perché il Sindaco perseveri nella riproposizione, a dieci anni di distanza, dello stesso strumento, la finanza di progetto (project financing), che lui stesso ha più volte definito la causa del fallimento dell’opera. Ci chiediamo perché si continui a insistere nell’operazione di concessione globale del centro, rilanciando oggi, a mercato compromesso e bacino d’utenza saturo, un programma già rivelatosi fallimentare nel 2011.

L’anno scorso proponemmo la nostra ricetta, che ci avrebbe fatto risparmiare tempo e denaro: apertura parziale del centro in tempi diversi (estivo, campo da calcetto, palestra, piscine interne) e gestioni in economia mediante piccole concessioni. La nostra proposta non fu mai discussa dal Consiglio, nonostante i contatti da noi attivati con possibili operatori interessati. Restiamo sempre di questa idea: frazionare l’opera permetterebbe al Comune di tutelare meglio l’interesse pubblico, senza favorire esageratamente un solo operatore privato o aprire a operazioni speculative che potrebbero rivelarsi ancora più dannose dell’attuale situazione per i colognesi.

Finché l’Amministrazione non avrà una visione d’insieme e di lunga durata per risolvere la questione centro natatorio, si continuerà a procedere alla cieca e per proclami, più interessati alle conseguenze sul piano elettorale che all’interesse di tutti i colognesi, già gravemente compromesso con il debito da 9 milioni che grava sulle nostre famiglie. Per avere questa visione, però, servono analisi, idee e competenze che purtroppo non riscontriamo da molto tempo in questa maggioranza.

Centro natatorio: l’Amministrazione stanzia 40.000 € per il rilancio dell’opera tramite marketing. A breve anche una perizia sul valore del centro

Astore_Marketing_Plan

A fine luglio l’Amministrazione ha assegnato l’incarico di redigere un piano di marketing per individuare un operatore interessato a gestire il centro natatorio, chiuso ormai da quasi due anni. Tale decisione ha visto uno stanziamento a bilancio pari a 40.000 €, 15.000 dei quali sono stati offerti come liberalità da alcune imprese colognesi. Entro il 30 settembre il Comune dovrebbe poi procedere a effettuare una perizia per la stima del valore di mercato dell’opera, al fine di inserirla all’interno del patrimonio comunale. progettoCologno ha chiesto che tale perizia sia effettuata con imparzialità e accuratezza da una primaria società di valutazioni immobiliari o dall’Agenzia delle Entrate, sia per tutelare i colognesi rispetto alla probabile truffa subita, sia per poter rimettere sul mercato l’opera (come trovare un operatore e chiedere un canone, se – dopo quasi due anni dalla chiusura – ancora non conosciamo il valore del centro? E soprattutto perché pagare 9 milioni di € più interessi per quarant’anni un’opera che potrebbe non valerli?).

Per trovare un nuovo gestore la giunta si affida al marketing

11001859_924215460963591_7962283802079208521_nArticolo del Corriere della sera di martedì 10 marzo 2015.