LOADING

Interrogazione urgente di progettoCologno sul centro natatorio

OGGETTO: interrogazione urgente ai sensi dell’art. 24 del regolamento del Consiglio Comunale – CENTRO NATATORIO

I sottoscritti consiglieri di minoranza di progettoCologno Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda, nell’esercizio delle proprie funzioni, interrogano il Sindaco e l’Assessore di riferimento in merito ai recenti drammatici sviluppi sulla vicenda del centro natatorio, ed in particolare:

Nel merito del progetto di realizzazione-gestione in project- financing del centro natatorio conclusosi con la revoca della concessione in capo alla società On Sport a causa del fallimento della stessa con sentenza del Tribunale di Milano in data 27 ottobre 2014 ed acclarato con delibera di Giunta n° 112 del 6 novembre 2014, con la quale il Comune, prendendo atto dell’avvenuto fallimento, dava mandato agli uffici di assumere le conseguenti iniziative;

accertato che in data 13 novembre 2014 l’Istituto per il Credito Sportivo ha risolto ipso iure il mutuo in essere con il concessionario del centro natatorio Onsport Cologno;

richiamata la comunicazione dell’Istituto per il Credito Sportivo, prot. 17761 del 24 novembre 2014, con la quale si comunicava al Comune la risoluzione del mutuo con la società Onsport Cologno dalla data del 13 novembre e si invitava “il Comune di Cologno al Serio, quale garante per effetto della fideiussione rilasciata ai sensi del contratto di mutuo, a versare entro e non oltre il 27 novembre 2014 la somma di 8.935.603,20 €, con ulteriori interessi di mora maturati e maturandi dalla data di risoluzione del mutuo stesso”;

dato atto che con delibera del Consiglio Comunale n° 62 del 28 novembre 2014 è stato approvato, senza emendamenti ma con il voto contrario del gruppo di minoranza progettoCologno, l’assestamento di bilancio 2014-2016 senza che nello stesso sia stata riportata la reale situazione debitoria dell’Ente nei confronti dell’Istituto per il Credito Sportivo;

rilevato che durate i dibattimenti in aula consiliare l’amministrazione comunale, per voce del proprio Sindaco Sesani e del vice sindaco Legramanti, ha sempre sostenuto l’inesistenza di particolari problemi e la convinzione del corretto e trasparente comportamento amministrativo così come la rivendicazione della buona conduzione politica della vicenda;

rilevato che, in particolar modo, il vice sindaco Legramanti derubricava le considerazioni, gli appelli, le proposte e le critiche della minoranza consiliare di progettoCologno come “stupidaggini” e “bugie” espresse con il solo scopo di denigrare l’operato amministrativo della maggioranza del quale rivendicava ripetutamente la paternità e la correttezza della scelta politica;

rilevato altresì che l’atteggiamento di taluni consiglieri di maggioranza è sempre stato teso a minimizzare l’entità del problema anche in presenza di allarmanti resoconti e relazioni dei funzionari tecnici e amministrativi;

richiamata la recente attività dell’amministrazione comunale pertinente il rapporto con l’istituto per il credito sportivo finalizzata alla rinegoziazione delle condizioni di pagamento del debito, della quale nulla si è saputo nonostante i termini per la liquidazione siano abbondantemente scaduti;

preso atto del rapido evolversi degli eventi che ha portato nella giornata di lunedì 15 dicembre  alla visita della Guardia di Finanza presso gli uffici comunali con sequestro degli atti amministrativi inerenti il centro natatorio;

preso atto che dalla lettura dei quotidiani si è appreso che risultano indagati alcuni soggetti della pubblica Amministrazione, condizione che getterebbe atroci dubbi sulla correttezza e la legalità delle operazioni e oscure ombre sull’operato dei singoli operatori pubblici, politici o tecnici che siano;

rilevato che fin dall’inizio l’Amministrazione Comunale ha adottato un atteggiamento scarsamente dialogante e completamente impermeabile dal punto di vista comunicativo;

rilevato che in tale situazione, al fine di tutelare la dignità dell’ente pubblico e rispettare il rapporto di fiducia con l’elettore, risulta quanto mai indispensabile abbandonare la strategia del silenzio per evitare che specifiche responsabilità vengano, più o meno strategicamente, distribuite a macchia d’olio su tutti gli amministratori pubblici ed in particolare su quelli di minoranza che si sono fin dal primo giorno battuti contro il presente progetto così come promosso, gestito e coordinato;

interrogano

il Sindaco e l’assessore di riferimento per sapere:

–       L’esito dell’incontro tenutosi a Roma il giorno 03 dicembre 2014 presso il Credito Sportivo anche alla luce di alcune voci diffuse secondo le quali l’Assessore Stefania Boschi avrebbe indicato una soluzione diversa rispetto a quelle, comunque contraddittorie, apparse sulla stampa locale.

–       Il numero esatto, il titolo e la funzione di tutti i partecipanti all’incontro suddetto.

–       Le spese sostenute dall’Amministrazione pubblica per l’organizzazione di tale incontro con relativo impegno di spesa e provvedimento determinativo.

–       L’entità e la tipologia della documentazione sequestrata dalla Guardia di Finanza nel blitz del 15 c.m..

–       La presenza di eventuali avvisi di garanzia notificati ad esponenti politici e/o tecnici della pubblica amministrazione.

–       Le eventuali motivazioni per le quali sono stati notificati tali avvisi.

–       Le azioni politiche che intende adottare l’Amministrazione Comunale per tentare di arginare la deriva con l’indicazione dei reali rischi che la stessa potrebbe correre.

–       Quando intende finalmente informare correttamente la cittadinanza circa la situazione reale con l’esatta indicazione dell’entità economica del debito, le modalità di recupero delle somme, le specifiche responsabilità amministrative e/o tecniche, le modalità e i termini di riapertura al pubblico del centro natatorio.

Si chiede che alla presente interrogazione venga data risposta nel primo Consiglio Comunale utile ai sensi dell’art. 24, comma 3, del regolamento comunale del Consiglio Comunale.

Cologno al Serio, 16 dicembre 2014

in fede, i Consiglieri comunali di progettoCologno

Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda

Spettro dissesto

10151202_865601500158321_3283800790660232999_nL’Eco di Bergamo del 2 dicembre 2014

 

Dichiarazione di voto sull’assestamento di bilancio “senza debito” di 9 milioni di euro

Oggetto: dichiarazione di voto in merito all’approvazione dell’assestamento di bilancio 2014

Considerati:

– la deliberazione di Giunta n. 95 del 14 ottobre 2014, con la quale si prendeva atto della conclusione negativa del processo esplorativo di subentro nella gestione del centro natatorio, senza l’individuazione di alcun subentrante;

– la relazione del Segretario comunale, dott. Vittorio Fortunato, prot. 16033 del 24 ottobre 2014, la quale evidenziava la necessità di adottare con urgenza provvedimenti consiliari atti ad affrontare il problema del centro natatorio;

– la comunicazione dell’Istituto per il Credito Sportivo del 27 ottobre 2014, prot. 16145, nella quale si sottolineava la necessità da parte del Comune di accollarsi il mutuo rif. 40359 (Onsport) entro il termine ultimo e perentorio del 12 dicembre con pagamento degli insoluti, pari a 498.700,38 euro e interessi di mora, pena l’escussione immediata della fideiussione prestata dal Comune per l’intera esposizione debitoria e interessi;

– che il 27 ottobre 2014 la società Onsport Cologno è stata dichiarata fallita con sentenza del Tribunale di Milano;

– la delibera di Giunta n. 112 del 6 novembre 2014, con la quale il Comune prendeva atto dell’avvenuto fallimento della società Onsport Cologno, dando mandato agli uffici di assumere le conseguenti iniziative e prevedendo l’approvazione di una delibera consiliare di ristrutturazione del debito;

– in data 13 novembre 2014 l’Istituto per il Credito Sportivo ha risolto ipso iure il mutuo in essere con il concessionario del centro natatorio Onsport Cologno;

– la lettera del 13 novembre 2014, prot. 17310, del Revisore dei Conti del Comune di Cologno al Serio, dott. Arzilli, con la quale si invitava l’Amministrazione a prendere al più presto gli opportuni provvedimenti richiesti dal Credito Sportivo;

– la comunicazione del 17 novembre 2014, prot. 17332, della Responsabile Ragioneria del Comune di Cologno al Serio, rag. Bernini, con la quale si sollecitava l’Amministrazione a ottemperare alla richiesta del Credito Sportivo entro il 21 novembre, per permettere di inserire l’operazione nell’assestamento di bilancio, da approvare a cura del Consiglio comunale entro il 30 novembre 2014;

– la comunicazione dell’Istituto per il Credito Sportivo, prot. 17761 del 24 novembre 2014, con la quale si comunicava al Comune la risoluzione del mutuo con la società Onsport Cologno dalla data del 13 novembre e si invitava “il Comune di Cologno al Serio, quale garante per effetto della fideiussione rilasciata ai sensi del contratto di mutuo, a versare entro e non oltre il 27 novembre 2014 la somma di 8.935.603,20 €, con ulteriori interessi di mora maturati e maturandi dalla data di risoluzione del mutuo stesso”;

– la convocazione del Consiglio comunale per l’approvazione dell’assestamento di bilancio, avvenuta in data 24 novembre 2014 prot. 17763, senza che nello schema di bilancio fosse recepito l’invito dell’Istituto per il Credito Sportivo a liquidare gli insoluti pertinenti il contratto di mutuo;

– la richiesta di chiarimento dei consiglieri di minoranza di progettoCologno, presentata in data 25 novembre 2014, in merito all’assenza di ogni menzione alla situazione debitoria sopra riscontrata;

– la risposta del Sindaco dott. Sesani del 26 novembre 2014, prot. 17952, con la quale si afferma che “il mancato inserimento del debito nell’assestamento di bilancio deriva dal fatto che contabilmente l’operazione di che trattasi potrà essere imputata al bilancio solo quando la stessa sarà certa nell’ammontare nel rispetto del punto 5.5 del principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria (all. n. 4/2 al D.Lgs. 118/2011)”;

– la richiesta urgente, del 27 novembre 2014, dei consiglieri di minoranza di progettoCologno, volta a ottenere la sospensione dell’approvazione dell’assestamento di bilancio così come previsto, per adeguarlo alla reale situazione debitoria e approvarlo entro il termine del 30 novembre 2014;

dato atto che

dalla documentazione in approvazione non risultano assunte le decisioni richieste dalla vincolante comunicazione dell’Istituto per il Credito Sportivo di cui sopra;

i Consiglieri comunali di progettoCologno

Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda

esprimono voto contrario

alla proposta di deliberazione in oggetto per il seguente motivo:

– lo schema di assestamento non risponde ai principi contabili di universalità, veridicità, significatività e rilevanza, attendibilità, competenza finanziaria, congruità e prudenza. In particolare, secondo quest’ultimo principio le componenti negative devono essere contabilizzate, anche se solo presunte (sottolineiamo che in questo caso non si tratta di dati presunti, ma di una richiesta di pagamento con l’esatto ammontare dell’importo e relativa scadenza, già superata, rendendo di fatto il Comune insolvente nei confronti dell’Istituto per il Credito Sportivo. Si tratta di un debito certo, reale ed esigibile);

ritenendo politicamente inqualificabile questo modo di agire

comunicano

che provvederanno a dare comunicazione di quanto sta avvenendo alla cittadinanza, all’Istituto per il Credito Sportivo e agli organismi preposti al controllo della regolarità dell’operato contabile del Comune.

Si chiede che la presente dichiarazione di voto sia allegata alla deliberazione consiliare in oggetto.

Cologno al Serio, 28 novembre 2014

In fede, i Consiglieri comunali di progettoCologno

Chiara Drago

Roberto Zampoleri

Imerio Dadda

Fino a quando?

1374233_10152820748937416_4416023913981441843_nDa L’Eco di Bergamo di venerdì 14 novembre 2014