Sintesi del Consiglio comunale del 14 giugno 2013

ORDINE DEL GIORNO

1 LETTURA ED APPROVAZIONE DEI VERBALI DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE NELLA SEDUTA DEL 24.05.2013.

2 ISTITUZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI – TA.R.E.S.

3 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DEL NUOVO TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

4 ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L’ANNO 2013. ART. 8 D.P.R. 27/4/1999, N. 158 E APPROVAZIONE DELLE TARIFFE TA.R.E.S. ANNO 2013

5 CONVENZIONE PER L’ATTIVITA’ DI SUPPORTO E ASSISTENZA AL COMUNE DI COLOGNO AL SERIO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI CON LA SOCIETÀ GE.S.IDR.A.SPA.: APPROVAZIONE.

6 APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA I COMUNI APPARTENENTI ALL’AMBITO BERGAMO 5 PER LA DELEGA DELL’ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE APPALTANTE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS NATURALE.

SINTESI

1) LETTURA ED APPROVAZIONE DEI VERBALI DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE NELLA SEDUTA DEL 24.05.2013.

I verbali vengono approvati all’unanimità.

2 ISTITUZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI – TA.R.E.S.

3 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DEL NUOVO TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES)

I due punti sono discussi insieme e votati poi singolarmente.

La TARES sostituisce la tariffa TIA 1 che prevede in aggiunta una maggiorazione sui servizi di 0,30€ al mpagata con l’ultima rata che va allo Stato.

Il consigliere Zampoleri si aspettava che l’Amministrazione venisse incontro alla cittadinanza mantenendo le 4 rate e stemperando le sanzioni per chi non riesce a pagare in tempo per problemi economici. Una parte del tributo è definita variabile e riguarda l’effettiva produzione dei rifiuti per famiglia, ma il valore stimato è improprio e calcolato in base a parametri: esso può discostarsi molto dalla realtà e disincentiva l’attuazione di selezione virtuosa dei rifiuti. Sul piano politico manca una scelta etica e la volontà di investimento sulla piattaforma ecologica, la pesatura del riciclabile, premi per aumentare la produzione differenziata.

Ci sono delle criticità sui singoli articoli del regolamento: il limite di rifiuti assimilabili è di 3 tonnellate, ma sarebbe meglio scegliere un criterio per dimensioni; si aspettano sgravi e riduzioni per quelle case degli anni ’70 molto diffuse a Cologno che hanno una superficie di autorimesse e cantine molto ampia e poco utilizzata. Per chi pratica il compostaggio c’è una riduzione del 20%, ma nel comune non è attivato: l’Amministrazione dovrebbe diffondere questa notizia. Se la tariffa dovuta dalle utenze non domestiche può essere ridotta sulla parte variabile del 60% in proporzione alle quantità di rifiuti assimilati, il produttore come può dimostrare di avere avviato il recupero?

L’assessore Bentoglio dice che avviare la raccolta dell’umido porterebbe un misero guadagno di 3€ a famiglia; per la piattaforma ecologica ci sono molte idee ma presto verrà smantellata ed è inutile investire.

Il vicesindaco Legramanti esprime la sua disapprovazione per l’introduzione di una nuova tassa da parte del governo, dice che sono i comuni del sud Italia la causa delle nuove tasse e la maggiorazione non avrà alcuna ricaduta perché va allo stato.

L’istituzione del tributo è approvato con 7 voti favorevoli, 1 contrario e 2 astenuti.

Il regolamento è approvato con 7 voti favorevoli e 3 contrari.

 

4 ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L’ANNO 2013. ART. 8 D.P.R. 27/4/1999, N. 158 E APPROVAZIONE DELLE TARIFFE TA.R.E.S. ANNO 2013

Il consigliere Zampoleri suggerisce di liquidare la società GESIDRA per rivolgersi al mercato che offre servizi a basso prezzo e non fa ricadere alcuni costi come la gestione del personale sulle casse del comune (200.000€ sono state le spese dirette della società). Nel regolamento le tariffe non sono specificate e nel suo complesso è poco chiaro, motivo per il quale andrebbe riscritto. Sono presenti punti inutili, che non hanno alcuna ricaduta sul nostro comune (come la divisione in diverse zone tariffarie) e quindi mancano di un riflesso nel precedente regolamento della TARES. La tabella dei costi riporta incrementi che non rispecchiano l’andamento demografico che è stimato in crescita in modo impreciso. Nel piano finanziario non sono comunicati i guadagni ottenuti da GESIDRA: se sono presenti i costi, perché non si riportano i particolari dei profitti della società e perché essi non sono gestiti dal comune?

L’assessore Bentoglio dice che mai nessuno ha chiesto di vedere il bilancio nel dettaglio, e quindi non sono stati forniti ai consiglieri di minoranza, ma nonostante dica di avere davanti a sé tutti i dati non risponde alla domanda. Per lui la soluzione è far entrare un socio privato nella società per portare liquidità; al momento attuale il C.d.A. non approva l’uscita dei comuni perché non può garantire la loro liquidazione.

Il piano finanziario viene approvato con 6 voti favorevoli e 3 contrari.

 

5 CONVENZIONE PER L’ATTIVITA’ DI SUPPORTO E ASSISTENZA AL COMUNE DI COLOGNO AL SERIO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI CON LA SOCIETÀ GE.S.IDR.A. SPA.: APPROVAZIONE.

La convenzione deve essere approvata per l’introduzione della TARES. Per quanto detto nel punto precedente riguardo alla poca trasparenza dei costi che ricadono sulla comunità, progettoCologno esprime parere negativo.

La convenzione è approvata con 6 voti favorevoli e 3 contrari.

6 APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA I COMUNI APPARTENENTI ALL’AMBITO BERGAMO 5 PER LA DELEGA DELL’ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE APPALTANTE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS NATURALE.

La convenzione è approvata all’unanimità.

, , , , ,

Leave a reply

** *

Your email address will not be published. Required fields are marked*