Interrogazione sulla sicurezza e la videosorveglianza

OGGETTO: interrogazione ai sensi dell’art. 24, commi 2, 3 e 4, del R.C.C.

VIDEOSORVEGLIANZA COMUNALE

Con la presente, i sottoscritti Chiara Drago, Roberto Zampoleri e Imerio Dadda, nell’esercizio della funzione di Consiglieri comunali, interrogano l’Amministrazione comunale circa la questione  in oggetto, in particolare:

considerato che

–        le linee politiche programmatiche di questa maggioranza, approvate con delibera di Consiglio Comunale n° 35 del 16/06/2011, prevedevano un grande investimento nell’area polizia locale, sicurezza e commercio (scheda 6) individuando, al punto 1) della stessa, il “potenziamento delle installazioni di videosorveglianza all’interno e all’esterno del centro abitato per garantire il costante controllo del territorio comunale” quale prioritario obiettivo amministrativo nel settore;

–        dalla relazione resa dal corpo di polizia locale prot. n° 1564 del 02/02/2015 in merito alla situazione degli impianti di videosorveglianza, si evidenziano alcune problematiche sostanzialmente riassumibili nei seguenti punti critici:

  1. non vengono effettuati investimenti/manutenzioni agli impianti di videosorveglianza dal 2010;
  2. su 43 impianti ben 17 non risultano funzionanti;
  3. gli impianti ed i relativi software gestionali non permettono un controllo puntuale degli accessi e un efficace utilizzo  degli stessi ad uso investigativo;

–        la situazione tracciata, oltre a non garantire un corretto supporto alle attività di controllo da parte del corpo di Polizia Locale, non risulta coerente con gli obiettivi politico-amministrativi di questa maggioranza, così come precisamente delineati nella citata delibera di approvazione delle linee programmatiche;

–        la disponibilità di attrezzature ed impianti di videosorveglianza non adeguatamente mantenuti ed aggiornati, al di là delle implicazioni di carattere politico, si potrebbe configurare come danno economico nei confronti della comunità;

si chiede

  1. Di conoscere i motivi per cui, dopo quattro anni di mandato, non è stato minimamente attuato uno dei punti centrali della politica amministrativa, finalizzato alla sicurezza ed al controllo del territorio.
  2. Di conoscere i motivi per cui non è stata ripristinata la funzionalità delle telecamere danneggiate (magari anche da eventi accidentali) considerato che, probabilmente, trattasi di beni con copertura assicurativa.
  3. Di conoscere le intenzioni dell’Amministrazione circa il ripristino degli impianti di videosorveglianza non funzionanti e l’adeguamento dei sistemi software che li gestiscono, alla luce della necessità di far fronte alla tutela della sicurezza pubblica con gli strumenti in dotazione.

Si chiede infine che alla presente interrogazione venga data risposta durante la prossima seduta del Consiglio comunale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 24. del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale.

Distinti saluti.

In fede, i Consiglieri Comunali di progettoCologno

Chiara Drago, Roberto Zampoleri, Imerio Dadda

, , ,

Leave a reply

** *

Your email address will not be published. Required fields are marked*