Interrogazione sulla cava al Tiro

imgresAll’attenzione del Sindaco e Presidente del Consiglio comunale

OGGETTO: interrogazione ai sensi dell’art. 24, commi 2, 3 e 4, del R.C.C.

PROROGA FINE LAVORI PER INTERVENTI DI RECUPERO NATURALISTICO AMBIENTALE DI AREE DEGRADATE – AREA CAVA AL TIRO

Con la presente, i sottoscritti Chiara Drago, Chiara Zambelli e Roberto Zampoleri, nell’esercizio della funzione di Consiglieri comunali, interrogano l’Amministrazione comunale circa la deliberazione della Giunta comunale n. 56 del 10 luglio 2013, relativa alla proroga in oggetto.

Considerato che

–       dalla deliberazione si evince che i lavori di recupero sarebbero dovuti terminare il 15/09/2012;

–       risulta che la Giunta abbia già concesso una prima proroga di 12 mesi, spostando il termine al 15/09/2013, con D.G. 101/2012;

–       per assecondare la richiesta della ditta “Cava al Tiro” ora la Giunta concede una seconda proroga di sei mesi, spostando il termine al 15/03/2014;

–       le motivazioni addotte per la richiesta di proroga non risultano sufficienti a giustificare la concessione della stessa;

–       non risulta chiaramente definita la situazione di fatto e lo stato di avanzamento dei lavori rispetto a quanto concesso ed in particolare non risulta chiaro quanti dei 200.000 mc di inerti autorizzati sia stato effettivamente commercializzato;

–       l’assenza di un rigoroso rispetto della convenzione limita l’autorità dell’Amministrazione Comunale;

–       l’assenza di una strategia politica rispetto all’intervento, che si manifesta a mezzo delle continue proroghe, relega l’Amministrazione Comunale a ruolo di soggetto passivo;

–       il continuo ritardo nella conclusione dei lavori e la generale situazione di crisi del mercato alimentano il dubbio che, terminata la fase reddituale con la completa commercializzazione dell’inerte concesso, la società CAVA al Tiro possa soprassedere dal completo rispetto della stessa con notevoli danni per il paesaggio e per l’ambiente;

si chiede

  1. di conoscere nel dettaglio i motivi per i quali si è proceduto a predisporre un’ulteriore proroga della concessione approvata dalla Giunta comunale;
  2. di conoscere la reale situazione di avanzamento dei lavori sia rispetto al quantitativo di inerte commercializzabile che ai lavori di recupero naturalistico ed ambientale;
  3. se questa Amministrazione intende procedere ad accettare incondizionatamente eventuali prossime richieste da parte della società privata convenzionata ovvero intenda assumere posizioni di maggior rigore relativamente al rispetto della convenzione;
  4. se questa Amministrazione intenda continuare a considerare il territorio un bene dal quale trarre benefici di natura economica.

Si chiede infine che alla presente interrogazione venga data risposta durante la prossima seduta del Consiglio comunale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 24. del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale.

Distinti saluti.

Cologno al Serio, 26 luglio 2013

In fede, i Consiglieri Comunali di progettoCologno

Chiara Drago, Chiara Zambelli e Roberto Zampoleri

, , , , , ,

Leave a reply

** *

Your email address will not be published. Required fields are marked*