LOADING

Incomincia con un attacco personale senza fondamento la campagna elettorale della maggioranza leghista

 

Il sindaco Sesani attacca progettoCologno e in particolare il consigliere Zampoleri con parole fuori misura, soprattutto di questi tempi: ci accusa di “assassinio politico”, indicandoci come gli autori dell’esposto sulla farmacia (cosa FALSA, facilmente individuabile tramite un accesso agli atti in Procura, passaggio che certamente la maggioranza avrà fatto), e di aver rallentato i lavori della BCC inutilmente, avendo segnalato presunte irregolarità all’Autorità di Vigilanza. Peccato che il parere dell’Autorità dia ragione alle nostre osservazioni e obblighi il Comune a seguire l’iter procedurale corretto. Peccato che gli stessi lavori siano fermi da gennaio 2014 e il nostro gruppo, con svariate interrogazioni, abbia sollecitato più volte l’Amministrazione a mettere nero su bianco ciò che dovrà essere fatto in Piazza Agliardi, la cui situazione risulta da tempo insostenibile. Solo in seguito alle nostre interrogazioni e poi alla nostra segnalazione, la maggioranza ha prodotto alcuni atti, ma non ancora quelli necessari a dare avvio ai lavori, passaggi che non sono facoltativi, ma che servono per tutelare il Comune!

FullSizeRender

Nessuna risposta dalla Corte dei Conti: l’Amministrazione si rimangia il mutuo quarantennale per il centro natatorio

12227743_1048604508524685_8454904870180356413_n

Battaglia consiliare sulla TARI

10312383_977868572264946_5720313232517108036_n

Consiglio strano quello di ieri sera nel quale, dopo aver ottenuto risposte a nostre quattro interrogazioni (già postate nei giorni scorsi e relative alla sicurezza, protezione civile, Cosidra e cava al tiro), si è discusso (ma all’ultimo non votato, perché la maggioranza non aveva i numeri e ha rischiato di vedere bocciata la proposta, essendo assenti Madè e Natali, incompatibile Carrara e contrario Legramanti) il piano finanziario e tariffario di Gesidra, partecipata che gestisce i rifiuti a Cologno affidando a sua volta il tutto a Servizi Comunali.
Nella proposta dell’amministrazione, quest’anno la TARI dovrà essere pagata non più a settembre e marzo, ma sarà anticipata a LUGLIO e GENNAIO.
Ci sono AUMENTI consistenti, in media del 5% per le utenze domestiche e del 6,6% per le utenze non domestiche, per sostenere l’aumento dei costi amministrativi (+20,6%) e di spazzamento strade (+16,7%). Inoltre diminuisce la percentuale di differenziata: passiamo da un già misero 47% al 45%.
E come se non bastasse la pesantissima eredità del debito delle piscine, l’amministrazione – in fase di scadenza elettorale! – ha intenzione di affidare il servizio rifiuti per i prossimi 12 ANNI (vincolando ulteriormente le prossime amministrazioni) alle attuali condizioni a Servizi Comunali, senza cercare di migliorare il servizio e soprattutto di ridurre i costi che i colognesi già devono pagare!

Sicurezza

11351249_10153312570127416_745265379355305759_nDal Corriere della Sera di venerdì 29 maggio 2015